Press "Enter" to skip to content

Wattpad: un enorme contenitore arancione

di Caterina Corucci

Siamo abituati a pensare alla letteratura come a fogli di carta e macchie di inchiostro, ma da un po’ di tempo ormai la tecnologia ci ha messo davanti altri modi di pensarla e di realizzarla. Gli e-book, gli audiolibri, le piattaforme on-line sono in continua evoluzione e aggiornamento.

Ce n’è una che è davvero particolare, si chiama Wattpad, ed è una community di narratori e di lettori su internet. Viene fondata nel 2006 da una società di Toronto ma si concretizza pienamente solo con il lancio dell’iPhone nel 2007 e dell’App Store nell’anno successivo, e si struttura negli anni seguenti.

Per farne parte basta creare un account e iniziare a leggere, o scrivere. Le storie sono suddivise per categorie: Avventura, Narrativa Generale e Storica, Horror, Fanfiction e altre, ventitre in tutto.

Utili per rintracciare le storie, sono anche i tag.

Wattpad si addice soprattutto alle serie, ai racconti lunghi o romanzi a puntate, per la possibilità che c’è di interagire episodio dopo episodio con l’autore che, a seconda dei riscontri, dei voti e delle visualizzazioni, può essere più o meno incentivato ad andare avanti e salire nella classifica di popolarità.

I numeri sono impressionanti: 565 milioni di storie per 80 milioni di iscritti, la maggior parte millenials, giovani nati dal 2000 in poi, ma non solo. Infatti accanto a coloro che, alle prime armi, inseriscono materiale ingenuo senza nessuna pretesa di fare letteratura, ce ne sono altri che ci stanno provando con un certo impegno e giacché esiste questa ‘biblioteca-ritrovo-vetrina’ gratis, perché non mettersi alla prova. Ma ci sono anche i più esperti, che scrivono da tempo e bene, magari già pubblicano con buoni editori, e caricano testi su Wattpad per la voglia di scambiare letture e confrontarsi.

Di così tanto materiale la maggior parte è destinato a restare sconosciuto, ma le storie che emergono grazie alle interazioni con i lettori, che hanno la facoltà di votare i racconti, vengono segnalate da un gruppo di editor interni alla piattaforma i quali, oltre a metterle in evidenza, hanno anche il compito di assegnare gli Wattys Awards.

In questo mondo fatto di mondi, vari concorsi valorizzano i vincitori e garantiscono loro una maggior visibilità.

L’azienda canadese è anche editrice dal 2019 e, con il marchio Wattpad Books, pubblica attingendo a questo grande contenitore di libri virtuali per i quali gli autori sono chiamati a ideare la copertina e riempire una scheda descrittiva dell’opera.

Inoltre grazie anche a collaborazioni con altri colossi dell’editoria come Harper Collins e Penguin Random House UK, alcune tra le storie che si sono distinte sono passate dalla piattaforma alle librerie.
Mentre “After” di Anna Todd approda in casa Sperling & Kupfer, in Italia Leggereditore fa uscire la saga “My Dilemma is you” e “I still love you” di Cristina Chiperi e “Mess” di Ilaria Soragni. Anche Mondadori e Rizzoli hanno pubblicato titoli scovati su Wattpad e nel maggio 2019, in occasione del Salone di Torino, la Hope Edizioni pubblica in cartaceo il romanzo “Come anima mai” di Rossana Soldano, precedente successo Wattpad con il titolo “One Sole Direction (OSD)”.

E non è tutto. Delle 565 milioni di storie, ad oggi circa mille sono diventate oltre che libri anche adattamenti per la tv, film o progetti digitali. Dal 2016 esiste una sezione apposita per mettere in contatto gli autori più popolari con case editrici e industrie cinematografiche. Netflix ha realizzato il film “The Kissing Booth” basato sulla storia di Beth Reeks, ma esistono molte altre realtà di questo tipo all’estero, come la Paramount Pictures Corporation, che ha acquistato i diritti per un film basato sulla storia di Anna Todd uscito nel 2019, o un social network nelle Filippine che ha fatto uscire la serie chiamata Wattpad Presents. Nel nostro Paese l’azienda di Toronto ha stretto un accordo con Mediaset.

Da circa un mese anche Offline è approdata su Wattpad, nella categoria Fantascienza con la serie a puntate dal titolo FN314, come il nome di quel paese in cui  i personaggi devono vedersela con situazioni distopiche e piogge di rane. La potete trovare, a partire dal primo episodio, cliccando qui sotto.

https://www.wattpad.com/user/rivistaoffline

Commenti

Be First to Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *